La soluzione per gli ospiti che creano problemi in hotel

logo Guests Behaving BadlyEsiste sul web una banca dati relativa a clienti che si comportano male negli hotel. Vi immaginate l’imbarazzo? Dell’hotel intendo, visto che il cliente non ha esitazioni a comportarsi in un certo modo. Nessuna vergogna da parte del cliente, ma tanta la sorpresa e la fastidiosa sensazione di come risolvere nel migliore dei modi quei fastidiosi ed incresciosi episodi che spessu succedono in un hotel.
Ebbene, ritornando alla banca dati che menzionavo all’inizio, è stato lanciato un sistema che automaticamente segnala agli hotel gli ospiti che creano problemi. Si tratta del Guest behaving badly (Gbb): un database che, al momento della prenotazione, identifica e comunica agli hotels i clienti che in passato hanno mostrato un comportamento antisociale, intimidatorio e distruttivo. Il fondatore del sito parla di ”un sistema per aiutare gli alberghi a evitare gli ospiti che creano problemi e ad assicurare agli altri clienti un soggiorno senza intoppi. La prevenzione è meglio della cura e il database Gbb fornisce tranquillità e sicurezza per tutti coloro che soggiornano in albergo e anche per i gestori e i proprietari degli hotel”.
Per chi volesse approfondire l’argomento e ha dimestichezza con l’inglese consiglio la lettura sull’argomento e quanto concerne la privacy al http://www.guestsbehavingbadly.com.au/. Non ho idea se e quando questo sistema avrà la sua attuazione in Italia, ma per iI momento i viaggiatori sono avvertiti.